7 | GEOCOLL il collante e rasante a base di calce idraulica naturale

7 | GEOCOLL il collante e rasante a base di calce idraulica naturale

Nonostante esistano sul mercato collanti di grande pregio, la pietra ricostruita Geopietra® necessita di caratteristiche molto particolari che non trovano completa soddisfazione in nessuno degli adesivi in commercio, infatti la maggior parte di essi è sviluppato per l’incollaggio delle ceramiche (EN12004). Al contrario Geocoll® è prodotto secondo EN998 ed è stato appositamente perfezionato per migliorare prestazioni e durata della posa su ogni fondo e su isolamento termico esterno. Geocoll® contiene calce idraulica naturale che conferisce elevata scorrevolezza, assenza di scivolamento verticale, traspirabilità e buone proprietà meccaniche. Pratico nell’uso facilita notevolmente il lavoro del posatore risolvendo alcuni inconvenienti riscontrati durante molti anni di posa in cantiere. Geocoll®, in abbinamento alla rete in fibra di vetro Georete, è anche il prodotto perfetto per realizzare rasature armate di rinforzo su fondi non stabili (vedi cap.5) o per l’armatura di sostegno su isolamento termico esterno.

COLORANTE per la posa a secco

Nella posa a secco dei modelli di tonalità scura, l’uso del collante chiaro, risulta evidente tra le fughe rendendo l’effetto di riempimento in profondità, poco omogeneo. Per ovviare a questo problema, Geopietra ha studiato una nuova polvere colorante, da miscelare in dosi calibrate ad un sacco di Geocoll, disponibile in 2 tonalità: CN - NERO, adatto a tutte le situazioni e CM - MARRONE, idoneo per la finitura di pietre dai toni caldi e per muri contenimento terra. Lavorando con il collante in tonalità risulta più semplice coprire durante la posa rotture e sagomature della pietra. Inoltre si potrà procedere in maniera più veloce e precisa alla successiva stuccatura con la malta Geobi, solo delle fughe più grandi, preservando particolari essenziali per la credibilità estetica del muro.

PREPARAZIONE

Un sacco da 25 Kg di Geocoll® si mescola con 7,0 L (collante) o 7,5 L (rasante) di acqua pulita con l’aiuto di un agitatore meccanico fino ad ottenere una pasta assolutamente omogenea e priva di grumi. Lasciarlo riposare 10 minuti e mescolarlo ancora brevemente.

É possibile regolare la consistenza dell’impasto ottenuto aggiungendo piccole quantità d’acqua. L’incollaggio avviene con il metodo “fresco su fresco” - ovvero Geocoll® viene spalmato su tutta la superficie del dorso della pietra con una cazzuola (non dentata) e uno strato sottile deve essere applicato al fondo di posa, la pietra viene quindi premuta alla parete esercitando piccoli spostamenti laterali destra/sinistra fino a che l’eccesso di colla non sia fuoriuscito (effetto ventosa). Se le pietre scivolassero verso il basso utilizzare Geocoll® con una consistenza più solida. Posizionare le pietre possibilmente correttamente e in maniera uguale, tenere presente che dopo massimo ca 15 min. le pietre non possono più essere né staccate né spostate. Fondi fortemente assorbenti possono essere preventivamente inumiditi, accertando che non ci sia velo d’acqua durante l’incollaggio della pietra.

AVVERTENZE

Temperature d’impiego + 5°C / + 35°C ambiente. Non posare con temperature del fondo inferiori a +5°C o superiori a +25°C. Con temperature ambientali di posa estremamente calde verificare che la parete non superi i valori critici per il collante (un’evaporazione troppo rapida dell’acqua dal collante blocca la reazione chimica di presa). Nell’eventualità, rinfrescare bagnando la superficie di posa con abbondante acqua, e qualora necessiti, anche il dorso della pietra stessa. Geopietra® va posata successivamente in assenza di velo d’acqua. Proteggere dalla pioggia, non applicare su supporti gelati o in via di disgelo, sospendere la posa con temperature vicine allo zero o con rischio di gelate nelle 24 ore successive. Nel caso di rischio di abbassamento delle temperature notturne, coprire il lavoro compiuto con materassino di lana di vetro. Non utilizzare il materiale rappreso. Non aggiungere acqua per ripristinare la lavorabilità. Non aggiungere altro materiale che non sia previsto in scheda tecnica. Rispettare eventuali giunti strutturali.